Primo Piano

Terremoto Centro Italia



Dopo il forte terremoto che ha colpito il Centro Italia si è subito attivato il coordinamento Nazionale Emergenze di Caritas Italiana. Nelle prime ore dopo la violenta scossa c’è stato un incontro di coordinamento emergenze delle diocesi colpite che ha visto coinvolti i referenti regionali emergenze delle Marche.
Varie delegazioni di Caritas hanno visitato in questi giorni le zone colpite per potere leggere al meglio i bisogni delle persone e attivare gli interventi a sostegno delle Caritas del territorio.
Come Caritas diocesana di Reggio Emilia Guastalla, in collaborazione con la Delegazione Regionale Emilia Romagna e in coordinamento con Caritas Italiana, abbiamo dato disponibilità immediata di mezzi, attrezzature e persone che, per il momento, non sono richieste.
Al momento non raccogliamo materiali di nessun genere ma raccogliamo disponibilità di materiali e di persone che verranno attivati ed inviati unicamente secondo le richieste provenienti dalle zone colpite.
Mercoledì 7 settembre il Direttore Isacco Rinaldi, insieme al Delegato Regionale Sauro Bandi, ha visitato la Caritas di Ascoli Piceno e alcuni luoghi colpiti duramente dal terremoto, portando semplicemente sostegno umano e fraterno ad amici e colleghi. Eventuali iniziative particolari saranno avviate solamente in coordinamento con le Caritas locali e Caritas Italiana.

È attiva la raccolta di fondi secondo i consueti canali, specificando nella causale "Terremoto Centro Italia". La CEI ha già messo a disposizione 1 milione di euro per la prima emergenza e indetto una colletta straordinaria per domenica 18 settembre (leggi la lettera del Vescovo Massimo).
Per offrire le proprie disponibilità vi chiediamo di contattare la segreteria della Caritas diocesana di Reggio Emilia – Guastalla via mail al seguente indirizzo segreteria@caritasreggiana.it oppure tramite telefono allo 0522 922520.

Per maggiori informazioni e aggiornamenti visitare il sito di Caritas Italiana.